MANIPOLAZIONE

Permette di far sentire piacevoli sensazioni che materiali tipo farina, sale, acqua, yogurt, das, pongo, possono dare alle mani e ai piedi dei bimbi, facendo superare la paura di sporcarsi. Quest’attività ne appaga l’esigenza dal punto di vista cognitivo, motorio, espressivo e sensoriale.

img_4676La manipolazione aumenta la destrezza e l’abilità manuale, migliora le coordinazioni dei movimenti, il desiderio di fare e il piacere di agire sulla materia, insegnando a riconoscere attraverso i sensi le caratteristiche dei materiali costruendo così una raccolta di dati sensoriali e percettivi molto ricca.L’educatrice propone le varie attività manipolative, lasciando al bambino la libertà di scegliere quali e come svolgere, anche attraverso l’utilizzo di scatole magiche che privando della visione del materiale in esse contenute sprona il bambino alla scoperta e al riconoscimento del materiale.

GIOCO SIMBOLICO

Caratterizzato dalla presenza di bambole, borse, vestiti,img_4882 
cucina, attrezzi, stoviglie e cibi, con cui i bambini possano “far finta” di essere grandi e di identificarsi così con i ruoli familiari e sociali che l’attività riproduce edificando la loro identità.

ATTIVITA’ GRAFICO/PITTORICHE

Permettono di lasciare le proprie tracce con colori diversi usando mani, piedi, pennelli, rulli, spazzolini, spugne; stimola la coordinazione oculo-motoria, aiuta lo sviluppo della motricità fine, favorisce l’apprendimento dei colori e ovviamente arricchisce la possibilità espressiva del bambino.Il disegno è come una finestra che permette ai piccoli di mostrarci quello che provano e il loro punto di vista su quello che li circonda.

GIOCO EURISTICO

Offre al bambino materiale non strutturato o informale, formato da oggetti comuni. Ogni materiale è conservato in sacchetti diversi. Questo gioco favorisce il ragionamento deduttivo, l’attività esplorativa e la scoperta.L’educatrice sarà solo osservatrice, e il bambino sarà portato a domandarsi: “cosa è questo?” e in seguito: “Cosa posso fare con questo?”, stimolandolo a determinare le proprie azioni senza un adulto che li guidi.In questa attività assume parte importante anche il riordino che diventa essa stessa il gioco.

TRAVASI

Hanno lo scopo di far riconoscere ciò che è leggero, pesante, ciò che fa rumore, ciò che scivola via più velocemente, ciò che lascia una traccia, ciò che è asciutto e bagnato, riempiendo e svuotando recipienti di forme e dimensioni diverse, agevolando la comprensione di concetti quali vuoto/pieno, sopra/sotto, dentro/fuori, tanto/poco.

PSICOMOTRICITA’

img_4877I bambini sperimentano i confini del corpo e le loro forze. Essi vengono stimolati in diversi esercizi motori, attraverso piccoli percorsi creati con oggetti diversi che permetteranno loro di migliorare l’equilibrio e coordinare i movimenti. Nei più piccoli attraverso l’utilizzo dello specchio si agevola la scoperta di se e del proprio corpo.

LETTURA

Un’area tranquilla in cui i bimbi possono approcciarsi alimg_4884 libro. Sfogliare, ascoltare, toccare, guardare, allo scopo di favorire lo sviluppo verbale, visivo, tattile, la socializzazione e l’interazione tra i bimbi e gli adulti. Inoltre una volta la settimana i bimbi porteranno a casa un libro a loro scelta da leggere con mamma e papà.

ATTIVITA’ MUSICALE

Caratterizzata dalla presenza di strumenti musicali di legno, plastica o costruiti durante le attività con materiali di recupero, una radio e la voce. Stimola l’uso dell’udito, la coordinazione dei movimenti, l’acquisizione del ritmo e la conoscenza del proprio corpo.

 CLASSE PRIMAVERA (dai 30 ai 36 mesi)

L’allestimento di questa sezione è stato pensato per favorire e sostenere situazioni di scambio linguistico, di progettualità, di raccoglimento, di gioco simbolico, logico-rappresentativo e motorio.L’ultimo anno di frequenza è caratterizzato da un percorso che favorisce la continuità con la scuola dell’infanzia. E’ necessario quindi che i bambini raggiungano un buon livello d’autonomia e di conoscenza del proprio corpo. E’ stato predisposto, a questo riguardo, un angolo per le attività di laboratorio di disegno, pittura, manipolazione, musica e attività fisica.Gli obiettivi sono la stimolazione del linguaggio, delle capacità cognitive e logiche, dell’esperienza corporea e della manualità.